Segnaletica stradale

La promozione di un nuovo modello di mobilità all’insegna della sostenibilità può essere perseguita solamente ripensando le infrastrutture attualmente presenti in città. Principalmente orientate ad accogliere autovetture e altri mezzi motorizzati, le strade di San Donato devono essere trasformate per rendere possibile l’attuazione di una vera e propria “rivoluzione green” dei trasporti e per diventare più accoglienti e sicure per biciclette e pedoni. A tal proposito, l’Amministrazione comunale nel corso dell’ultimo mandato ha finanziato e messo in atto una serie di politiche finalizzate a modificare profondamente la viabilità cittadina, adattandola alle esigenze di quanti scelgono mezzi di spostamento alternativi meno impattanti dal punto di vista ambientale. Per raggiungere tale obiettivo, la creazione di nuovi tratti ciclopedonali – tra i quali rientrano anche i quattro chilometri della pista che collega il terminal della M3 a Peschiera Borromeo – è stata accompagnata da oltre 100 ordinanze di modifica alla viabilità, che hanno ridefinito profondamente il modo di vivere e di spostarsi all’interno dei quartieri e delle strade cittadine.

I dati del progetto:

  • Nuovi sensi unici

  • Nuove Zone 30 km/h

  • 5 totem per il controllo della velocità

  • 1 semaforo monitorato sulla Paullese

Torna su